blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

John Elkann, quando un erede dinastico parla di meritocrazia

Lunedì 19 Novembre 2007, 22:50 in Approfondimenti di

John Elkann"Sono molto giovane e allo stesso tempo piuttosto privilegiato. Potrei essere visto come qualcuno che ha acquisito le sue posizioni non in base al merito" è la franca osservazione da parte di John Elkann, erede della dinastia degli Agnelli, 31 anni e già vice amministratore delegato di Fiat, in una intervista rilasciata al Financial Times dove sottolinea il ruolo della meritocrazia e la necessità della sua riscoperta nella realtà italiana.

"Il custode del patrimonio degli Agnelli mette il merito al primo posto" è il titolo dell'intervista pubblicata venerdì scorso dal quotidiano finanziario.

Secondo John Elkann, "la lenta crescita italiana indica che spesso vi sono state le persone sbagliate in incarichi di responsabilità nel paese: il merito è un criterio ma non è sempre quello più importante seguito nella scelta dei leader in Italia".

E' questa una delle ragioni per le quali, secondo il Financial Times, "tutto il top management delle aziende controllate da Ifil è stato cambiato negli ultimi anni".

Secondo il rampollo di casa Agnelli, "permettere ai manager di gestire le aziende significa fare un accordo preventivo in merito ai risultati che si vogliono raggiungere ed essere pronti al rapido cambiamento nella leadership se le cose vanno male"

Eppure entrando nei dettagli dell'esperienza di John Elkann, il Financial Times sottolinea come "nell'essere Agnelli vi siano distrazioni, spesso molto imbarazzanti": dallo scoppiettante fratello che "si sta ricostruendo una reputazione" dopo la sua storia di droga, a "mamma e nonna che stanno combattendo sulla divisione del patrimonio familiare, la stessa Ifil sotto inchiesta per delle rivelazioni in merito ad un affare del 2005 su contratti basati sulle azioni Fiat".

John non si preoccupa, "un Agnelli impara ad avere a che fare con la pubblicità" e proprio nello scorso weekend ha organizzato un convegno dal titolo significativo: "Costruire il nostro futuro: il merito e non l'età come fattore discriminante".

0

Lascia il tuo commento

Accedi con Facebook Esci da Facebook

Attendere la pubblicazione del commento

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere